I 4 migliori gestori di password per Android | Androide | smartcity-telefonica.com

I 4 migliori gestori di password per Android




Nel corso degli anni, Internet è diventato un posto pericoloso. Poiché la sua popolarità è aumentata, ha attirato un numero sempre maggiore di hacker che cercano di guadagnare rapidamente. Tuttavia, man mano che la nostra dipendenza dal web cresce, diventa sempre più difficile separare tutti i legami. Ciò significa che dobbiamo proteggere uno dei nostri punti più deboli, la password.

Le nostre password fungono da principale difesa contro gli hacker che accedono ai nostri account e ai dati che contengono. Con tutte le informazioni in un solo account, dobbiamo assicurarci di utilizzare la password più forte. Ma questo crea un dilemma: una password complessa è difficile da memorizzare, ma una password facile da memorizzare è debole. Inoltre, è necessaria una password univoca per ogni account che si utilizza, che può facilmente raggiungere cifre a due cifre. È qui che entra in gioco un gestore di password.

Sommario

  • Informazioni sui gestori di password
  • Grafico comparativo
  • Punti chiave di confronto
  • Come abbiamo scelto queste app
  • App 1: LastPass
  • App 2: Keeper
  • App 3: Dashlane
  • App 4: 1Password
  • Conclusione

Cosa sono i gestori di password?

Un gestore password è un'app con un database contenente le informazioni di accesso per tutti i vari account che utilizzi. Il database viene in genere crittografato con una password principale per impedire l'accesso non autorizzato. Sebbene questa password principale possa essere combinata con altre informazioni univoche segrete per aumentare la sicurezza, in genere un utente non dovrà memorizzare nulla più della stessa password principale.

La password principale è come una parte del grande dilemma viene risolta. Hai solo bisogno di memorizzare una password sicura per tutti i tuoi account. Tuttavia, non si riutilizza questa password, ma si consente al gestore di creare password per tutti gli altri account.


Una volta creata una password principale, aggiungi le informazioni di accesso per tutti i tuoi account nel database. A questo punto, vorrai sostituire la password per ogni account con una più forte. Utilizzando la funzione "cambia password" per ciascuno dei tuoi account, il gestore password creerà un nuovo passcode. Il gestore ti consentirà di scegliere tra vari parametri come se includere caratteri maiuscoli o minuscoli, caratteri speciali e la lunghezza complessiva del codice di accesso per creare una password complessa che non dovrai mai memorizzare.

Grafico comparativo


Punti chiave di confronto

  • Prezzo Premium (Single-User): Il prezzo per sbloccare tutte le funzionalità per un singolo utente.
  • Prezzo della famiglia: Value pricing per più account. Tutti tranne LastPass forniscono cinque account utente per il prezzo elencato, con LastPass inclusi sei utenti. Come il prezzo Premium, questo sbloccherà tutte le funzionalità.
  • Versione gratuita disponibile: Se è possibile o meno utilizzare questo servizio gratuitamente.
  • Totale dispositivi su livelli gratuiti / a pagamento: Se si utilizzano le funzionalità del database delle password basate su cloud disponibili in alcune di queste app, ciò sarà utile. Queste due righe mostrano quanti dispositivi totali puoi sincronizzare con il tuo database su entrambi i livelli gratuiti e a pagamento del servizio.
  • Modalità solo locali: Questa funzione fornisce sicurezza in luogo di comodità. Invece di utilizzare il cloud per sincronizzare il database, il tuo database si trova solo sul tuo dispositivo. Ciò fornisce un maggiore controllo su chi ha accesso e chi può visualizzarne il contenuto, e riduce i rischi di essere violato.
  • Cloud Sync: Il tuo database è archiviato nel cloud rendendolo accessibile su più dispositivi. Usando il cloud, qualsiasi modifica effettuata su un dispositivo aggiornerà automaticamente tutti gli altri dispositivi con accesso.
  • Controlla le password: Il gestore rivede tutte le credenziali di accesso e consiglia le modifiche alle password. Ad esempio, il gestore consiglierà di cambiare se la password non è stata modificata da un po '(in genere tre mesi) o se si utilizza la stessa password per più account.
  • Condividi le password: Gli utenti possono estendere l'accesso alle password (sia individualmente che come gruppo) ad altri utenti. Alcuni manager richiedono che gli utenti che ricevono l'accesso abbiano già un account con il servizio.
  • Accesso di emergenza: In caso di decesso o incapacità dell'utente, ai propri cari può essere assegnato l'accesso al database. In questo modo, gli account online dell'utente possono essere gestiti o eliminati a seconda della situazione dell'utente.
  • Supporto tecnico: I gestori sul nostro elenco forniscono supporto tramite un sistema di ticket online o e-mail. L'e-mail è superiore in quanto è più comoda da usare e non suscettibile di fallimento perché una pagina web è andato giù.
  • Riempimento automatico (Pre-Oreo): Per gli utenti Android che non eseguono l'iterazione più recente del sistema operativo, il gestore password offre un metodo per riempire automaticamente le informazioni di accesso nelle app. La compilazione automatica viene in genere eseguita utilizzando Accessibilità (che funziona in modo simile all'API di compilazione automatica) o tramite una tastiera speciale (con un pulsante speciale per la compilazione automatica).
  • Compilazione automatica API (Oreo +): Una delle nuove funzionalità di Android 8.0 Oreo era l'inclusione di un'API di compilazione automatica. Se un'app dispone di questa funzione, è possibile selezionare il suo database nelle impostazioni del telefono, quindi i nomi utente e le password del database verranno automaticamente inseriti in app e siti Web sul telefono.
  • Riempimento automatico nei browser (Pie +): A partire da Android 9.0 Pie, l'API di riempimento automatico sopra menzionata è stata ampliata per includere i browser. Ciò significa che se il gestore password supporta questa API e utilizzi un telefono su Pie o versioni successive, sarai in grado di compilare automaticamente le password dal tuo database in browser come Google Chrome senza dover ricorrere a una soluzione alternativa come il plug-in Accessibility che alcune app hanno offerto in passato.
  • crittografia: Il metodo utilizzato per garantire la sicurezza del database. Ad oggi, lo standard più elevato disponibile è la crittografia AES-256. La crittografia protegge il database rendendolo praticamente illeggibile agli utenti non autorizzati.
  • Supporto app autenticatore: La possibilità di utilizzare un codice da un'app di autenticazione per rafforzare la sicurezza del database delle password. Questo codice funge da OTP (password una tantum) che inserisci oltre alla tua password per provare la tua identità. Alcuni esempi includono Google Authenticator, Microsoft Authenticator e Authy.
  • Universal 2nd Factor: Noto anche come U2F, questo è un altro modo di fornire l'autenticazione a più fattori. U2F è un set di chiavi hardware (in genere USB) che è necessario accedere al database insieme alla password. Dal momento che si tengono fisicamente le chiavi hardware, molti ritengono che ciò offra il massimo livello di protezione.
  • Login impronta digitale: Utilizzo dello scanner di impronte digitali sul dispositivo per accedere al database anziché inserire la password principale. L'accesso tramite impronta digitale offre praticità agli utenti che inseriscono ripetutamente il loro database.
  • Secure Cloud Storage: Archiviazione cloud crittografata fornita con l'abbonamento. LastPass e Keeper offrono spazio di archiviazione limitato sui loro livelli gratuiti, mentre gli altri due gestori di password lo includono solo con il piano premium.
  • Programma Bug Bounty: La sicurezza di un sistema dipende in larga misura dalla sua capacità di funzionare come previsto in ogni momento. Tuttavia, anche il codice più ben scritto presenterà bug e errori imprevisti. Per combattere questo, le aziende offrono un incentivo finanziario a coloro che non fanno parte dell'azienda a segnalare questi errori. In genere, i premi più elevati attirano più hacker white-hat (hacker per i bravi ragazzi) e più esperti.
  • Libro bianco disponibile: Un rapporto tecnico su come la sicurezza e l'autenticazione sono gestite dal software. Fornisce la necessaria trasparenza e consente ad altri di dare suggerimenti per migliorare la sicurezza per tutti.

Come abbiamo scelto queste app

I gestori di password di oggi possono fare molto di più che archiviare le tue password. Molti sono stati spostati dallo storage locale all'archiviazione su cloud, il che significa che una copia del database delle password è disponibile su tutti i dispositivi che si utilizzano e si sincronizza automaticamente per garantire che qualsiasi modifica si rifletta su tutti i sistemi. Anche se non è un requisito per la nostra lista, ognuno dei gestori scelti offre questa funzionalità.

I nostri primi parametri ruotavano attorno alla sicurezza. Prendiamo in considerazione solo i gestori di password che hanno utilizzato gli strumenti di sicurezza più recenti disponibili. Al momento, ciò significava AES-256 (Advanced Encryption Standard con una chiave a 256 bit), PBKDF2 SHA-256 (funzione di derivazione chiave basata su password 2 e Secure Hash Algorithm 2 con digest a 256 bit) e hash salati.

Un altro requisito era che tutte le app in questo elenco dovevano utilizzare la nuova API di compilazione automatica di Android. Trovata in Android 8.0 o versioni successive, questa funzione ti consente di scegliere un database delle password a livello di sistema che verrà automaticamente inserito in tutti i campi di accesso, inclusi app e siti web. Per utilizzarlo, è sufficiente installare una di queste app, configurare il database delle password, quindi selezionarlo nelle impostazioni del telefono.



Piggybacking sull'ultimo criterio, ci dovrebbe essere un modo per compilare automaticamente le password per tutti i dispositivi Oreo non Android. Nello specifico, dovrebbe esserci un modo per compilare automaticamente le password nelle app, poiché la maggior parte dei gestori di password può compilare automaticamente nel browser (tramite un plug-in o un browser integrato).

L'accesso di emergenza era un altro requisito, in quanto consente ai tuoi cari di accedere al tuo account se muori o diventa incapace. Con l'accesso di emergenza, i tuoi cari possono chiudere i tuoi account, accedere alle tue finanze e assumere il controllo dei tuoi account online quando non sei in grado di farlo. In questo senso, dovresti anche essere in grado di condividere password.

Infine, abbiamo selezionato solo app con interfacce ben progettate e facili da usare, che ha eliminato app come KeePass. Gli utenti di tutti i livelli di esperienza dovrebbero facilmente essere in grado di creare un database, aggiungere accessi e compilare automaticamente tali accessi. Non dovresti impostare strumenti di sicurezza o passare troppo tempo nel menu delle impostazioni e tutte queste app soddisfano tali criteri.

App 1: LastPass

Facilmente l'app più popolare della nostra lista, LastPass ha lavorato sodo per offrire una straordinaria serie di funzionalità che non hanno eguali a nessun altro gestore di password. A causa dell'abbondanza di funzioni offerte a uno dei prezzi più bassi, abbiamo dovuto dargli il primo posto.

  • Play Store Link: LastPass Password Manager (gratuito)


LastPass è stato progettato pensando alla sincronizzazione del cloud. L'azienda intende che ogni utente abbia accesso al proprio database indipendentemente dal dispositivo che sta utilizzando, con tutti i suoi dati perfettamente sincronizzati. Ciò è esemplificato dal fatto che sono gli unici gestori del nostro elenco a offrire questa funzione gratuitamente. LastPass è disponibile su tutti i principali sistemi operativi e sui principali browser, consentendo l'accesso al loro database sincronizzato indipendentemente dal dispositivo in uso.

Uno degli aspetti più importanti di qualsiasi gestore di password è la sicurezza. Un grande gestore di password deve utilizzare il massimo livello di sicurezza disponibile per garantire che il tuo database non venga compromesso. LastPass segue questo principio e utilizza la crittografia AES-256 per proteggere il tuo database.

Poiché LastPass non supporta un database solo locale, il database delle password risiede nel cloud (con una copia memorizzata localmente sul dispositivo). Ciò richiede l'autenticazione (per garantire che solo gli utenti autorizzati si connettono ai server) e la crittografia durante il trasporto. LastPass realizza questo utilizzando gli hash salati PBKDF2-SHA256. Una volta che l'utente è autenticato, una chiave di decrittazione sblocca la copia locale del vault. Tutte le comunicazioni tra il server e l'utente si trovano all'interno di una connessione crittografata, aggiungendo ulteriori livelli alla sicurezza.



Oltre alla protezione di cui sopra, LastPass rinuncia a qualsiasi contatto con la chiave di decrittografia, impedendo loro di accedere al tuo database da remoto. Mentre memorizzano il tuo database, non possono leggerne il contenuto, assicurando che la tua privacy rimanga intatta.

LastPass supporta anche app di autenticazione come Authy o Google Authenticator, che forniscono un ulteriore passo per dimostrare la tua identità. Una versione ancora più sicura di questo è Universal 2nd Factor (U2F), che contiene una password one-time (OTP) all'interno di una chiavetta USB ed è anche supportata. L'utente deve possedere fisicamente la chiavetta USB per provare l'autenticazione, proteggendo dagli attacchi remoti.

LastPass cerca anche di migliorare la sicurezza personale degli utenti controllando le password. Dopo la revisione, LastPass suggerirà di apportare modifiche alle password più deboli o ripetute. I piani premium hanno accesso a 1 GB di spazio sicuro per conservare i tuoi dati più preziosi. LastPass utilizza anche un programma di bug bounty, che offre premi fino a $ 5,000 per qualsiasi vulnerabilità (o bug) trovata nel loro software.



LastPass controlla la maggior parte delle caselle di funzionalità essenziali che gli utenti desiderano in un gestore di password, tra cui la compilazione automatica senza soluzione alternativa per le app in Oreo o versioni successive e la compilazione automatica nei browser su Android Pie e versioni successive. Ad eccezione di una modalità solo locale, agli utenti viene fornito tutto il resto necessario in un gestore di password di livello superiore.

In qualche modo, LastPass è in grado di offrire questo a $ 36 all'anno, che è una delle opzioni più economiche in questa lista. Il prezzo della famiglia non è solo il più basso a $ 48 all'anno, ma include anche sei account rispetto ai cinque della competizione. Ancora meglio, è possibile utilizzare la maggior parte delle funzionalità gratuitamente! LastPass offre sicurezza, comodità e privacy pur rimanendo relativamente economico. E per questi motivi, è il numero uno nella nostra lista.

App 2: Keeper

Keeper è un'eccellente alternativa a LastPass se stai cercando sicurezza aggiuntiva. Se non vuoi fidarti di nessuna compagnia con il tuo database, Keeper offre una delle poche funzionalità essenziali non supportate da LastPass: un database solo locale. Lo fa in piedi in punta di piedi con LastPass sulla maggior parte degli altri fronti.

  • Play Store Link: Keeper Password Manager (gratuito)


Keeper offre sia una versione gratuita che una versione premium. Il prezzo premium di Keeper (per un utente) è l'opzione più economica della nostra lista, mentre il prezzo della famiglia è il più costoso. Tuttavia, l'opzione gratuita è quella in cui perde il massimo da LastPass.

Nella versione gratuita, la sincronizzazione cloud non è disponibile. Il tuo database è memorizzato e crittografato localmente e non si trova da nessun'altra parte. Pertanto, non dovrai mai preoccuparti del tuo vault che viaggia attraverso il Web, ma il rovescio della medaglia è che dovrai copiare manualmente il tuo database su qualsiasi altro dispositivo, mentre ripeterai le modifiche manualmente su ciascun dispositivo.

Inoltre, Keeper è un servizio "a conoscenza zero", il che significa che non conosce la password principale, memorizza le informazioni o ha accesso alla chiave di decrittografia. Ciò significa che Keeper non può accedere al tuo database, proteggendoti da essi e riducendo le conseguenze se Keeper dovesse mai essere compromesso.



Tuttavia, solo locali rende la possibilità di sincronizzare il tuo database su più dispositivi e piattaforme. Per gli utenti che amano di più su questa comodità, avranno bisogno della versione premium.

Con la versione premium (singola o familiare), gli utenti hanno accesso a diverse funzionalità, tra cui la sincronizzazione cloud e l'archiviazione illimitata delle password. Gli utenti hanno inoltre accesso alla possibilità di utilizzare lo scanner di impronte digitali sul proprio dispositivo per accedere al proprio database anziché inserire la password principale ogni volta.



Oltre alla condivisione delle password, la versione premium di Keeper include anche l'accesso di emergenza. Questa funzione consente agli utenti di consentire a un massimo di cinque persone care di accedere al proprio account in caso di emergenza (come la morte). I contatti di emergenza dovranno attendere un tempo specifico prima di accedere, ma successivamente potranno gestire il tuo vault. Gli utenti possono modificare l'elenco dei propri cari in qualsiasi momento.

Il piano premium di Keeper offre la maggiore capacità di archiviazione su cloud a 10 GB, ma è possibile memorizzare fino a sei file sul livello gratuito. Keeper consente inoltre agli utenti premium di condividere password, con l'unico requisito che l'altra parte sia anche un utente di Keeper. Gli stessi strumenti di sicurezza utilizzati per proteggere il Vault quando si utilizzano le funzioni di sincronizzazione vengono utilizzati per condividere la password in modo sicuro e protetto.



Un'altra cosa da affrontare è il programma di bug bug di Keeper. Mentre hanno una partnership con BugCrowd che invita hacker white-hat a cercare di penetrare la loro sicurezza, gli incentivi sono semplici punti internet invece di contanti. La fama di Internet è ovviamente meno di un fattore motivante per trovare difetti rispetto al denaro reale offerto dalle altre app in questo elenco.

Keeper è un'ottima alternativa alla versione gratuita di LastPass. Permette agli utenti di avere un database solo locale, che è più sicuro dell'utilizzo del cloud storage. Per gli utenti premium, offre molte delle stesse funzionalità di LastPass (incluse due di quelle di LastPass non lo fa avere) con un cartellino del prezzo leggermente più basso. Ma mentre il prezzo per utente singolo è marginalmente inferiore, i prezzi delle famiglie sono più costosi per un numero inferiore di utenti. Tuttavia, a causa del lungo elenco di funzioni e della versione gratuita solo locale, Keeper merita la sua seconda posizione nella nostra lista.

App 3: Dashlane

L'approccio di Dashlane al gestore di password si basa sulla facilità d'uso. Realizza questo con un'app ben progettata e con un set di funzioni di sicurezza uniche.

  • Play Store Link: Dashlane Password Manager (gratuito)


Prima di tutto, vorrei sottolineare che Dashlane è ben progettato. Ogni opzione di menu è chiaramente etichettata, eliminando qualsiasi congettura per la sua funzione. La pagina predefinita è Oggetti recenti, fornendo un rapido accesso agli account che usi frequentemente. Il browser integrato fornisce il riempimento automatico per pagine Web e account senza app e questa funzionalità è disponibile anche su Android Pie o versioni successive con altri browser.

Dashlane ha anche una versione gratuita che rimuove la sincronizzazione del cloud (simile a Keeper), consentendo una modalità solo locale. Gli utenti Premium possono anche disattivare la sincronizzazione, che rimuove tutte le copie del database oltre alla copia locale sul dispositivo. Pertanto, gli utenti premium possono scegliere come desiderano utilizzare Dashlane.



Dashlane supporta l'autofill tramite l'API di Autofill per gli utenti Oreo e tramite i plug-in Accessibility per i dispositivi meno recenti. Tuttavia, una delle più grandi funzionalità di Dashlane è la protezione dell'account critico.

Critical Account Protection riduce la difficoltà di utilizzare un gestore di password. Dashlane analizzerà la tua casella di posta elettronica e aggiungerà tutti gli account associati a quell'indirizzo email. Controlla la sicurezza di ogni account e crea un rapporto che visualizza informazioni quali la tempistica di quando sono stati creati gli account, il tipo di account che hai e il livello di rischio in caso di violazione. Viene quindi data la possibilità di mitigare il rischio cambiando rapidamente le password.



Nel complesso, il problema principale con Dashlane è il suo cartellino del prezzo. Supporta molte delle stesse funzionalità chiave offerte da LastPass e Keeper, ma ha un costo. Ha il prezzo per utente singolo più alto all'anno e non offre prezzi per famiglia. Ciò significa che se una famiglia vuole usare Dashlane, ogni utente deve pagare $ 39,99 all'anno. Anche se non è una cattiva opzione, LastPass e Keeper offrono un valore simile per meno.

App 4: 1Password

Mentre 1Password è l'ultimo nella nostra lista, ha vantaggi non trovati con gli altri gestori. Nello specifico, l'approccio alla sicurezza di 1Password è maggiore rispetto alle precedenti tre opzioni e vivamente consigliato a chi desidera la sincronizzazione del cloud nel modo più sicuro possibile.

  • Play Store Link: 1Password (gratuito)


1Password autentica gli utenti utilizzando la cosiddetta derivazione a due chiavi. Normalmente, i manager utilizzano la password principale per creare un hash per autenticare gli utenti con i loro server. Un hash è una funzione unidirezionale che modifica i dati (in questo caso la password principale) in una dimensione fissa. La modifica è solitamente irreversibile (quindi a senso unico), quindi gli hacker non sono in grado di ricavare la password principale dall'hash.

1Password fa un passo in più introducendo un secondo componente. Questo componente è noto come Chiave segreta ed è anche unico e conosciuto solo dall'utente, migliorando la sicurezza dell'hash. The Secret Key è una stringa di caratteri che viene prima generata dal tuo dispositivo quando crei un account inizialmente. Questa chiave è memorizzata localmente ed è inaccessibile da 1Password. Mentre non avrai mai bisogno di memorizzare la chiave mentre il sistema la recupera automaticamente, la sua unicità è ciò che lo rende sicuro e aiuta con l'autenticazione.



A causa di questa derivazione di chiave segreta, 1Password ritiene che non sia necessario supportare autenticatori di terze parti o Universal 2nd Factor (U2F). Mentre hanno un punto, l'idea di avere qualcosa su di te per aiutare con l'autenticazione semplifica la paura dei clienti e fornisce loro un certo livello di controllo che non è disponibile con una soluzione basata su software.

1Password ha di gran lunga la più grande ricompensa per il suo programma di bug bug, offrendo un pagamento fino a $ 100.000 per potenziali vulnerabilità. Una quantità così grande attrarrà gli hacker più bravi con un cappello bianco altamente qualificato (bravi hacker) e porterà a una piattaforma più sicura.



Per anni, 1Password ha offerto spazio di archiviazione solo locale. Tuttavia, a partire da due anni fa, è passato a un modello di abbonamento e ha smesso di offrire la possibilità di creare nuovi account per il modello standalone. Quindi, mentre c'è un livello gratuito, non c'è modo di accedervi a meno che tu non abbia già una licenza.

Il prezzo è alto, il secondo più alto per gli abbonamenti singoli utenti e familiari (a soli 11 centesimi dalla lista più costosa). Inoltre, è l'unico nostro elenco senza una versione gratuita, ma offre una prova gratuita per 30 giorni. Un ultimo svantaggio è la mancanza di supporto per la compilazione automatica nei browser su Android Pie o versioni successive.

Tuttavia, 1Password è una grande opzione, specialmente per coloro che non utilizzano l'autenticazione a più fattori che desiderano la comodità del database cloud. Tuttavia, la mancanza di una versione gratuita e di prezzi elevati ci ha costretti a posizionarlo sulla nostra lista.

Conclusione

Con l'aumentare della frequenza degli attacchi informatici, gli utenti devono rafforzare le loro difese online. Tuttavia, secondo Splashdata, l'anno scorso ha continuato la tendenza delle persone che utilizzano le password "123456" e "password" per molti account. Ma come accennato in precedenza, è difficile memorizzare una password unica e complessa, soprattutto per i molti account che abbiamo. È per questo che nel 2018 i gestori di password sono vitali.

Mentre i gestori di password variano in base alle funzionalità della piattaforma, per gli utenti Android, il miglior gestore di password disponibile è LastPass. Con le sue ricche funzionalità, ampia disponibilità e prezzi bassi, gli utenti non dovrebbero guardare oltre quando si tratta di archiviare le loro password. Tuttavia, se stai cercando la massima privacy e vuoi archiviare il tuo database a livello locale, Keeper è la soluzione migliore.

Stai usando un gestore di password? Se non lo sei, perché no? Fateci sapere nei commenti qui sotto. E per ulteriori informazioni su come mantenere il tuo Android sicuro, consulta la nostra raccolta di Android Security utilizzando il link sottostante.

Questo articolo è stato prodotto durante la speciale copertura di Gadget Hacks sulla privacy e sicurezza dello smartphone. Scopri l'intera serie sulla privacy e sulla sicurezza.

Da non perdere: le esercitazioni di sicurezza Android per mantenere al sicuro il tuo telefono da malware e hacker

  • Segui Gadget Hacks su Pinterest, Reddit, Twitter, YouTube e Flipboard
  • Iscriviti alla newsletter giornaliera di Gadget Hacks o agli aggiornamenti settimanali di Android e iOS
  • Segui WonderHowTo su Facebook, Twitter, Pinterest e Flipboard
Immagine di copertina e schermate di Jon Knight / Gadget Hacks

Articolo Precedente

Nascondi l'icona "Chiave" VPN su Android - Nessuna radice necessaria

Articolo Successivo

Rimuovere annunci indesiderati per più schermo immobiliare sul tuo Samsung Galaxy S3